Programme Lettresart. Lettres d’artistes. Pour une nouvelle histoire transnationale de l’art (XVIIIe-XIXe siècles). Présentation et rencontre à venir

Fig. 1. Giovanna Capitelli, Carla Mazzarelli, Serenella Rolfi, Ilaria Miarelli Mariani, Susanne A. Meyer e Maria Pia Donato, ad un convegno al KNIR nel giugno 2015  @ foto di Giulio Archinà (studio Archinà)

Il programma di ricerca Lettres d’artistes. Pour une nouvelle histoire transnationale de l’art (XVIIIe-XIXe siècles), diretto da Maria Pia Donato (CNRS-IHMC) e Giovanna Capitelli (Università Roma Tre), avviato nel 2017, si propone un obiettivo ambizioso: studiare l’evoluzione della figura sociale dell’artista e rintracciare le geografie della ‘Repubblica delle arti’ tra Sette e Ottocento utilizzando come fonte e come indicatore le loro corrispondenze. In particolare, la ricerca si concentra sulle lettere degli artisti che hanno soggiornato a Roma, centro sopranazionale di formazione e di creazione artistica.

Negli anni scorsi, diversi temi sono stati affrontanti dai convegni e seminari e dalle pubblicazioni promosse dal gruppo di ricerca: le questioni metodologiche connesse all’edizione delle corrispondenze (degli artisti e non solo), le tradizioni storiografiche di studio delle lettere, le reti epistolari delle varie comunità artistiche nazionali presenti a Roma, le tipologie e i linguaggi delle lettere degli artisti… I primi risultati sono presentati in un libro collettivo diretto da Serenella Rolfi Ožvald e Carla Mazzarelli e stampato nel 2019.

Fig. 2. Serenella Rolfi Ožvald et Carla Mazzarelli (a cura di), Il carteggio d’artista. Fonti, questioni, ricerche tra XVII e XIX secolo, Cinisello Balsamo-Milano, Silvana Editoriale, 2019.

Il 27 novembre 2020 il quinto incontro del programma tratterà della ‘patrimonializzazione’ delle lettere degli artisti e la creazione delle identità e dei canoni nazionali nell’Ottocento. Il convegno, che si terrà on-line sulla piattaforma zoom, si concentrerà specialmente sull’Italia, ma non esclusivamente. I contributi al convegno confluiranno in una sezione tematica della pubblicazione finale di sintesi del programma.

Nel frattempo, il gruppo di ricerca porta avanti la raccolta di metadati sulle corrispondenze degli artisti in un database collaborativo creato ad hoc da Agnès Tricoche (CNRS-ENS) sulla piattaforma Huma-Num (CNRS, Aix-Marseille Université, Campus Condorcet) ; i dati sono progressivamente pubblicati sul sito Early Modern Letters On Line creato e amministrato dall’Università di Oxford e dalla Bodleian Library, che ringraziamo. Siamo felici di annunciare che nel 2020 un primo set di dati è consultabile pubblicamente attraverso il portale dedicato al nostro progetto su EMLO (in versione beta, un ringraziamento particolare a Miranda Lewis). 

Fig. 3. Serenella Rolfi Ožvald 1960-2020

Purtroppo, il 2020 è stato anche un anno tragico per tutti noi, segnato dalla malattia e dalla scomparsa, il 4 agosto, della carissima collega e amica Serenella Rolfi Ožvald. Storica dell’arte di grande sensibilità e acutezza, specialista del Settecento, docente appassionata, Serenella è stata un pilastro del progetto, che ha in molti sensi ispirato sin degli esordi. Questa breve nota è un’occasione per commemorarla e onorarla: ci mancherà e mancherà a tutta la comunità scientifica.


Maria Pia Donato (directrice de recherche del C.N.R.S. all’Institut d’Histoire moderne et contemporaine di Parigi), a nome del gruppo di ricerca



Propos recueillis par Élodie Oriol, membre de deuxième année de l’École française de Rome, section Époques moderne et contemporaine.


Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search